Una delegazione di agricoltori argentini di Aapresid ha visitato Foggia e Lucera per studiare l'agricoltura della Daunia, confrontandosi su cambiamenti climatici, costi di produzione e pratiche agronomiche innovative. In foto un momento della visita al Crea.

Una delegazione di agricoltori argentini di Aapresid ha visitato Foggia e Lucera per studiare l'agricoltura della Daunia, confrontandosi su cambiamenti climatici, costi di produzione e pratiche agronomiche innovative. In foto un momento della visita al Crea.

FOGGIA, 6 giugno 2024 – Una delegazione di agricoltori argentini dell’associazione Aapresid, guidata dal presidente nazionale Marcello Torres, è stata ospite martedì 4 giugno di CIA Agricoltori Italiani di Capitanata.

Confronto con importante gruppo Argentino

Il gruppo proveniente dall’argentina ha incontrato diversi agricoltori della provincia di Foggia, la dirigenza di CIA Capitanata e Pasquale De Vita, direttore del CREA di Foggia, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria.

Aapresid: riferimento agricolo in Argentina

Aapresid è una delle più importanti associazioni agricole argentine, con migliaia di associati e con influenza su circa 11 milioni di ettari di superficie. Il presidente di Aapresid, Marcello Torres, è stato impegnato in un lungo tour nei paesi europei per un confronto su cambiamenti climatici, costi di produzione, semina diretta, genetica agraria.

 

Prima di approdare in Puglia, il presidente Torres ha incontrato i dirigenti di Cia Nazionale nonché diverse aziende emiliane e toscane.

Una grande accoglienza a Foggia

Arrivata a Foggia, accompagnata dalla responsabile delle politiche internazionali di Cia, Cristina Chirico, la delegazione ha incontrato i vertici di CIA Capitanata: il presidente Angelo Miano, la vicepresidente vicario Silvana Roberto, il vicepresidente Rino Mercuri e il direttore Nicola Cantatore.

Una delegazione di agricoltori argentini è stata ospite di CIA Agricoltori Italiani di Capitanata. Da sinistra in foto Torres e De Vita.
Una delegazione di agricoltori argentini è stata ospite di CIA Agricoltori Italiani di Capitanata. Da sinistra in foto Torres e De Vita.

Interessante confronto con Crea Foggia

Particolarmente interessante l’incontro e il confronto tra la delegazione argentina e il professor Pasquale De Vita, direttore del Crea di Foggia, centro pubblico di eccellenza per la cerealicoltura e nello specifico, nelle attività di studio, sperimentazione e analisi riguardanti il grano duro.

Prospettive di nuove pratiche agronomiche

Tanti i punti di confronto, particolare rilievo hanno assunto le prospettive di nuove pratiche agronomiche, rispettose dell’ambiente e capaci di migliorare il reddito degli agricoltori.

Cia Capitanata: “Confronti su temi all’avanguardia”

La vicepresidente di Cia Capitanata Silvana Roberto: “Più volte ci siamo confrontati in video conferenza con i colleghi argentini di Aapresid su tematiche di assoluta importanza anche per gli agricoltori di Capitanata, come i cambiamenti climatici, la riduzione dei costi di produzione, gli approcci sulla semina diretta, materia su cui gli argentini sono sicuramente all’avanguardia.

Aver avuto la visita del presidente Torres è un motivo di orgoglio per Cia Capitanata”.

Una delegazione di agricoltori argentini di Aapresid ha visitato Foggia e Lucera per studiare l'agricoltura della Daunia, confrontandosi su cambiamenti climatici, costi di produzione e pratiche agronomiche innovative. In foto un momento della visita al Crea.
Una delegazione di agricoltori argentini di Aapresid ha visitato Foggia e Lucera per studiare l’agricoltura della Daunia.

Degustazione di prodotti tipici della Capitanata

Dopo Foggia, la delegazione argentina ha raggiunto Lucera, dove ha visitato l’Azienda Agricola Miano.

Prima di proseguire la visita e di ripartire, agli agricoltori argentini è stato offerto un pranzo a base di prodotti a km zero con le tipicità della provincia di Foggia, prime tra tutte i troccoli e il vino Nero di Troia.

 

(Nota stampa)

 

 

 

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *