Fabrizio Tatarella e Raffaele Fitto

Bari, 12 ottobre 2023 – “Grazie al Presidente Giorgia Meloni il Mezzogiorno è tornato ad essere centrale nell’agenda del Governo e del dibattito politico.

 

L’istituzione di una ZES unica che comprende tutte le regioni meridionali è stata una grande intuizione in favore del Mezzogiorno, frutto di un grande lavoro fatto con la Commissione Europea dal ministro agli Affari Europei, il Sud, le Politiche di Coesione e il PNRR, Raffaele Fitto.

La ZES unica rappresenta, in questa fase storica, una irripetibile occasione di rilancio del Mezzogiorno”.

 

 

A dichiararlo in una nota Fabrizio Tatarella, vicepresidente della Fondazione dedicata a due importanti politici meridionali come Pinuccio e Salvatore Tatarella.

Fabrizio Tatarella e Raffaele Fitto

 

“Il Sud può e deve tornare protagonista nell’Europa del futuro, per questo – continua Fabrizio Tatarella – la Fondazione Tatarella torna sull’argomento con un nuovo libro e un nuovo dibattito.

Fabrizio Tatarella e Raffaele Fitto

Noi riteniamo che il Sud debba trovare in sé la forza per un suo Rinascimento e che la sua ripresa possa fare addirittura da traino per tutto il Paese.

 

La cultura, l’arte, la bellezza e la creatività del Mezzogiorno saranno il lievito del nostro Rinascimento.

 

Parleremo di tutto ciò con Carlo Borgomeo, profondo conoscitore delle dinamiche socio-economiche del Mezzogiorno, Presidente della “Fondazione Con il Sud” e autore del libro “Sud, il capitale che serve” su cui discuteranno anche Gaetano Frulli, Presidente della Nuova Fiera del Levante, Luigi Decollanz, Commissario Ente per lo Sviluppo dell’Irrigazione e la Trasformazione Fondiaria in Puglia, Lucania ed Irpinia (E.I.P.L.I.) il senatore Dario Damiani e il sottosegretario alla salute Marcello Gemmato.

 

Modera il direttore de “La Gazzetta del Mezzogiorno” Mimmo Mazza.”

 

 

L’appuntamento è per venerdì 13 ottobre alle ore 18.00 presso la Biblioteca della Fondazione Tatarella, sita in Bari alla Via Piccinni n.97.

 

 

(Nota diffusa da Fabrizio Tatarella, Fondazione Tatarella)

About The Author