Angiola: "Piazza Puglia, nel cuore di Foggia, emblema del degrado urbano"

Angiola: "Piazza Puglia, nel cuore di Foggia, emblema del degrado urbano"

Foggia, 29 giugno 2024 – Piazza Puglia, nel cuore di Foggia, emblema del degrado urbano e della incapacità della sindaca e della giunta di darsi delle priorità. Sul punto è intervenuto Nunzio Angiola, ex parlamentare e candidato sindaco, attualmente consigliere comunale a Foggia.

“Ci sono tutti gli ingredienti che fanno della centralissima Piazza Puglia, l’emblema del degrado cittadino. Dai rami degli alberi che quasi arrivano a terra, invadendo la pavimentazione già molto deteriorata e impedendo il passaggio delle persone, fino alle panchine sfregiate; dalla sporcizia e dai rifiuti fino ai segni di un violento vandalismo ai danni di scale e muri perimetrali, per non parlare di detriti sparsi dovunque e svariati graffiti non artistici; i nuovi corpi luminosi a led irradiano luce dall’alto bel al di sopra delle folte chiome degli alberi secolari, lasciando nell’ombra la parte sottostante e alcuni punti della piazza al buio pesto, rendono la piazza insicura di notte, fino al degrado degli edifici circostanti, tutti a loro volta massivamente imbrattati. Lo ha dichiarato Nunzio Angiola.

 

Nunzio Angiola, pH. Facebook
Nunzio Angiola, pH. Facebook

 

“E se pensiamo – ha continuato Angiola – che la piazza di colloca sull’ingresso della Facoltà di ingegneria e sul fianco laterale dell’Istituto Altamura-Da Vinci  e che quindi prima della chiusura delle scuole e del termine delle lezioni universitarie passavano lì vicino tutti i giorni centinaia di studenti; se pensiamo che la piazza ha un’alta densità demografica, se pensiamo che si passa da via Rotundi per raggiugere Piazza Italia e  il dipartimento di Economia di via Caggese; se pensiamo che transitano in quella piazza migliaia di autovetture ogni giorno; se pensiamo che sulla piazza insistono uffici pubblici, che insiste un supermercato, un benzinaio e una banca, insieme ad altre attività commerciali, il messaggio che si trasmette all’intera comunità cittadina e ai forestieri che arrivano a Foggia è  distruttivo, un messaggio di lassismo, menefreghismo e mancanza di serietà. Non è questa la nostra città, non ci piace, non la vogliamo, si ponga rimedio!”.

“Tutte queste circostanze, combinate tra di loro, riflettono in modo inequivocabile la disattenzione della comunità locale e la mancanza di interventi specifici da parte dell’amministrazione comunale che dimostra di non sapersi muovere dandosi un ordine di priorità, per risolvere i problemi più urgenti che richiedono soluzioni indifferibili. Si provveda immediatamente, ha chiosato Nunzio Angiola, segretario provinciale del movimento politico Cambia.

(Nota stampa)

Foto:

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *