Foggia, 3 ottobre 2023 – L’Università di Foggia si prepara per la nuova edizione del Bootcamp MAB.LAB, 24h di studio, sperimentazione, dibattito e tanto divertimento, interamente dedicate all’inclusione e al Metodo Analogico del Maestro Camillo Bortolato, con il coinvolgimento della città.

 

L’evento organizzato dal Learning Science hub (LSh) avrà luogo nei giorni 12 e 13 ottobre 2023 e sarà articolato in workshop e speech motivazionali presso i Dipartimenti di Studi Umanistici (DISTUM) e di Economia, Management e Territorio (DEMET).

Il Rettore Lorenzo Lo Muzio Ph. Facebook pagina ufficiale UniFg
Il Rettore Lorenzo Lo Muzio Ph. Facebook pagina ufficiale UniFg

Il 12 ottobre, in apertura i saluti istituzionali del Magnifico Rettore, prof. Lorenzo Lo Muzio, che ha dichiarato “Il Bootcamp rientra tra le esperienze più innovative sul piano della formazione didattica e che vede docenti e studenti protagonisti di attività diversificate e multidisciplinari.

 

Questo evento rappresenta l’ulteriore testimonianza del rapporto di collaborazione che lega l’Università al mondo della scuola e al Territorio” .

 

 

 

Numerose le attività che andranno ad arricchire il programma della giornata al quale parteciperà il Maestro Bortolato insieme a tanti ospiti: il laboratorio creativo a cura del prof. Luca Grilli, il laboratorio Lego Serious Play a cura della prof.ssa Stefania Fantinelli, il Laboratorio di Pattern Language a cura del prof. Ciro Esposito, i laboratori artistici rivolti agli studenti del liceo e i laboratori psicoeducativi e creativi Menta Piperina a cura della prof.ssa Petito e dell’Associazione Pera Cocomerina dedicati ai bambini.

 

Grande novità di questa edizione l’organizzazione di concerto gratuito e aperto alla città dedicato al tema dell’inclusione che si terrà in Piazza Italia, a partire dalle ore 18.00.

 

Cinque i rappers che si alterneranno sul palco per fare della loro musica, dei loro testi il manifesto dell’inclusione.

 

 

 

“E’ ormai noto come il Learning Science hub e l’Università di Foggia abbia a cuore il benessere di tutti gli studenti, ma un posto speciale è riservato nelle nostre ricerche all’inclusione scolastica, sociale e lavorativa dei tanti nostri studenti con Bisogni Educativi Speciale; a loro va il nostro I care, garanzia di un Dopo di noi sulla scia dell’autonomia” – queste le dichiarazioni della prof.ssa Giusi Toto, Delegata del Rettore per la formazione insegnanti e la formazione continua e coordinatrice del LSh, la quale aggiunge – “Per trasformare questo nostro sogno in realtà è necessario il coinvolgimento di tutta la società.

Da qui parte l’idea di aprire le porte dei nostri dipartimenti, scendere in piazza e sensibilizzare con la musica il nostro territorio, affinché possano partire costruttivi dialoghi di inclusione”.

 

 

 

Sulle note di Gente che spera, ad animare la Piazza ci sarà Reverendo, rapper e cantante italiano, membro della Crew Pooglia Tribe, in compagnia di Nandu Papu, membro dei Sud Sound System, un gruppo di artisti originario del Salento, che combina ritmi giamaicani e sonorità locali, come l’uso del dialetto salentino e le ballate di pizzica e tarantella.

 

A seguire, saliranno sul palco, i Drip Dealers, due giovani talenti della musica rap della nostra amata terra, della città di Orta Nova, Gabriele Rizzo e Lorenzo Granato, tra i protagonisti lo scorso 22 Luglio del prestigioso “Dodji na Amfi” Festival, uno dei più importanti eventi dedicati all’hip hop e al rap dei Balcani.

 

Originario della provincia di Foggia è anche il quinto artista, Simone Margherino, in arte MagosS, che ha inciso la canzone intitolata ‘Paronomasia’, ovvero un bisticcio di parole, una figura retorica che consiste nell’accostare parole con suono molto simile ma significato diverso.

Queste sono solo alcune delle tante iniziative che animeranno la città di Foggia la sera del Bootcamp MAB.LAB e che continueranno tutta la notte nella magica cornice del Dipartimento di Studi Umanistici con le sfide intitolate “Vinciamo la noiapp”, momento durante il quale i protagonisti della giornata saranno chiamati condividere le idee per progettare un’app innovativa per la didattica ispirata al Metodo Bortolato.

Ad impreziosire la serata, la presenza speciale di Rocco Dedda, divulgatore scientifico e docente di matematica e fisica appassionato di didattica digitale, la compagnia del Teatro dei Limoni e il Dj Set, le cui note risuoneranno nella notte dedicata alla sperimentazione.

 

 

 

Info e programma: https://hackathon.unifg.it/

 

(Nota diffusa dall’Università di Foggia)

About The Author