Il progetto, che porta il nome di una volontaria instancabile, è il frutto della collaborazione tra CSV Foggia, Ce.S.eVo.Ca. di Castelluccio Valmaggiore e Misericordia di Foggia. Grazie a una convenzione sottoscritta con il Policlinico "Riuniti", già attivo il servizio dei volontari in corsia.

Lucera (Fg), 6 luglio 2024 – In un’atmosfera di grande emozione e solidarietà, lo scorso 5 luglio è stata inaugurata la biblioteca “Lory Marchese” presso la Sala “Centore”, al terzo piano dell’Ospedale “Lastaria” di Lucera.

 

Il progetto, che porta il nome di una volontaria instancabile, è il frutto della collaborazione tra CSV Foggia, Ce.S.eVo.Ca. (Centro Studi e Volontariato di Capitanata) di Castelluccio Valmaggiore e Misericordia di Foggia, grazie a una convenzione sottoscritta con il Policlinico “Riuniti” di Foggia.

L’evento è iniziato con il taglio del nastro da parte del sindaco Giuseppe Pitta, dell’assessore ai servizi sociali Luigi Granieri e della consigliera Rossella Travaglio. Successivamente, Giuseppe Pio Padovano, volontario e animatore del servizio culturale in corsia, ha condiviso con i presenti la sua esperienza.

“Nel 2019 – ha raccontato Padovano – feci una donazione di fumetti per la biblioteca ospedaliera di Foggia. Il presidente del Centro di Servizio al Volontariato, Pasquale Marchese, mi invitò a realizzare un progetto simile anche qui a Lucera. Un invito che accolsi con entusiasmo e che la pandemia ha solo rallentato.

 

Il servizio, infatti, è attivo già dallo scorso gennaio, grazie ai quattro volontari in servizio civile – Giulia, Martina, Flavia, Francesco – e al nostro prezioso OLP, Davide Di Giovine, che già da tempo collabora con I Diversabili. Ringrazio per questa straordinaria esperienza il CSV Foggia, il Ce.S.eVo.Ca. con il suo presidente Carlo Laronga, la Misericordia con la presidente Laura Pipoli e i volontari senior Antonio Fusco e Antonio Di Donato.

La forza di questo progetto, non mi stancherò mai di ripeterlo, è il lavoro di squadra, grazie al quale abbiamo intrapreso anche una collaborazione con il Reparto di Neuropsichiatria”.

Pasquale Marchese ha poi ricordato le origini della biblioteca ospedaliera, nata presso il Policlinico di Foggia nel 2018 e inaugurata nel 2019 su impulso, tra gli altri, dell’associazione Centro Studi Diomede di Castelluccio dei Sauri.

“Siamo felici di aver duplicato la bella esperienza di Foggia anche qui a Lucera – ha detto Marchese – un’altra occasione di crescita per il nostro territorio. A tal proposito, porto i saluti del vicepresidente e assessore regionale Raffaele Piemontese, oggi assente per motivi istituzionali, che apprezza particolarmente questa attività nata grazie a un importante lavoro di rete.

Una rete che speriamo possa ampliarsi grazie al contributo di altre associazioni e di nuovi volontari che vorranno mettere il proprio tempo a disposizione di chi soffre”.

Tra i momenti più emozionanti, l’intervento di Ilaria Maffei, figlia di Lory Marchese, a cui la biblioteca è dedicata. “La motivazione di questi giovani volontari – ha detto – mi commuove profondamente. Sia io che mia sorella Rossella siamo certe che nostra madre sarebbe stata orgogliosa e felice di partecipare a questo progetto, sia come volontaria che come appassionata lettrice “.

Il sindaco Giuseppe Pitta ha concluso la cerimonia di inaugurazione esprimendo il suo profondo orgoglio e gratitudine. “Sono felice di potervi ringraziare tutte e tutti per questo nuovo raggio di sole che illumina il nostro ospedale, che è nel cuore a tutti.

Questa biblioteca ha un grande valore, perché collocata in un luogo di sofferenza e cura. Un grande ringraziamento va alla famiglia Marchese, ai volontari e ai cittadini che vorranno collaborare”.

La manifestazione è stata arricchita dall’intrattenimento musicale a cura del maestro Luca Ferrante, che ha contribuito a rendere l’atmosfera ancora più speciale. Don Gaetano Squeo ha benedetto i locali e il personale volontario e sanitario che svilupperà il servizio bibliotecario.

 

 

(Nota stampa)

 

 

 

 

Foto:

 

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *