Il gruppo "Cambia Con Angiola" e l'onorevole Nunzio Angiola mettono in luce le sfide e le opportunità delle cooperative sociali di Foggia, con Palazzo di Città come scenario di fondo.

Il gruppo "Cambia Con Angiola" e l'onorevole Nunzio Angiola mettono in luce le sfide e le opportunità delle cooperative sociali di Foggia, con Palazzo di Città come scenario di fondo.

Foggia, 23 maggio 2024 – Il Consigliere Comunale di Foggia, Nunzio Angiola, insieme al Movimento civico “Cambia”, esprime sostegno alle cooperative sociali della città in seguito al rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale (CCNL) per il periodo 2023-2025.

 

Intervento di Angiola e Foglio di ‘Cambia Con Angiola’ 

 

Com’è noto, il Contratto Collettivo Nazionale (CCNL) delle Cooperative Sociali, tanto atteso da oltre 400.000 lavoratrici e lavoratori impiegati nel settore sociosanitario assistenziale ed educativo, è stato ufficialmente rinnovato martedì 5 marzo per il periodo 2023-2025, a seguito della firma definitiva delle Centrali Cooperative e dei sindacati di categoria (Fp Cgil, Cisl Fp, Fisascat Cisl, Uil Fpl, UilTucs) e prevede un aumento medio parametrato sul livello C1 di oltre 180 euro mensili, tra minimi tabellari ed istituzione della quattordicesima mensilità.

Le cooperative sociali che operano a Foggia sono diverse decine e danno lavoro a centinaia di famiglie. Sul punto sono intervenuti Nunzio Angiola, consigliere comunale a Foggia e Segretario provinciale di “Cambia” e Luigi Foglio, responsabile Lavoro del Movimento civico “Cambia”.

 

On. Nunzio Angiola, pH. G.Cutillo
On. Nunzio Angiola, pH. G.Cutillo

 

 

Necessità urgente di adeguamento

 

“Premesso che nelle cooperative sociali i costi del personale possono arrivare a pesare fino all’85% dei costi aziendali, si pone la necessità urgente e indifferibile di un adeguamento dei corrispettivi contrattuali e delle tariffe da parte delle Pubbliche Amministrazioni, Comune compreso, nei confronti delle cooperative sociali appaltatrici.

Questo adeguamento è prima di tutto essenziale per evitare una significativa riduzione o addirittura l’interruzione dei servizi e dei presidi di prossimità a favore di cittadini e famiglie, specialmente quelli più fragili e vulnerabili.

Ma l’adeguamento è anche essenziale perché il Comune deve assicurarsi che vengano rispettate le norme legislative e contrattuali nei rapporti di lavoro con i soggetti affidatari di appalti di lavori e servizi.

Il suo obiettivo deve essere quello di contrastare il lavoro precario, irregolare e sommerso, considerando la diversità delle tipologie contrattuali esistenti nel settore. L’amministrazione comunale ha infine un oggettivo e impellente interesse a prevenire situazioni di crisi aziendale che possano destabilizzare il precario equilibrio socioeconomico su cui poggia il territorio della città di Foggia”. Lo hanno dichiarato Angiola e Foglio.

 

 

Il Comune di Foggia
Il Comune di Foggia

 

 

Depositata mozione in Consiglio Comunale

 

“Per questo – hanno concluso i due esponenti di “Cambia” – abbiamo depositato una mozione in Consiglio Comunale a Foggia che impegna il Sindaco e la Giunta ad aprire un Tavolo di confronto con le Associazioni datoriali delle cooperative sociali (AGCI – imprese sociali, Confcooperative – Federsolidarieta’, Legacoopsociali) e le OO.SS. di rappresentanza (Fp Cgil, Cisl Fp, Fisascat Cisl, Uil Fpl, UilTucs) al fine di condividere, dopo il rinnovo del contratto di cui si è detto in precedenza, le opportune iniziative da avviare per sostenere il settore, anche attivandosi nei confronti della Regione e del Governo, per reperire le risorse necessarie ad adeguare i corrispettivi contrattuali e le tariffe, a partire dai contratti stipulati negli anni precedenti”.

 

 

 

(Nota stampa)

 

 

 

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *