Roma, 25 ottobre 2023 – L’area sacra di Campo della Fiera è stata frequentata per oltre 2000 anni, dal VI sec. a.C. al XV secolo.

 

Al santuario, ubicato fra Etruria settentrionale e meridionale e ai confini con i territori umbri, giungeva il percorso viario etrusco che collegava Orvieto a Bolsena e al Mar Tirreno.

sito archeologico di Campo della Fiera-3

Le principali strutture si sviluppano attorno ad un’imponente Via Sacra, sede privilegiata di processioni religiose e di carattere trionfale.

sito archeologico di Campo della Fiera

Dal 2000 sono iniziate sistematiche campagne di scavo, dirette dalla Prof.ssa Simonetta Stopponi dell’Università di Perugia e condotte prima dall’Università di Macerata, poi di Perugia e oggi dall’Associazione Campo della Fiera – Onlus, in collaborazione con l’Università di Foggia coordinata dal Prof. Danilo Leone.

Vittorio Sgarbi, Ph. Facebook ufficiale Vittorio Sgarbi
Saluti di Vittorio Sgarbi, Sottosegretario MiC Intervengono Danilo Leone, Università di Foggia e Simonetta Stopponi, Università di Perugia Introduce e modera Lucio Riccetti, Fondazione Marco Besso (In foto Vittorio Sgarbi, Ph. Facebook ufficiale Vittorio Sgarbi)

 

L’eccezionale insieme di monumenti, l’altissima qualità dei manufatti e la lunghissima frequentazione del sito non lasciano dubbi nel riconoscervi il Fanum Voltumnae, il santuario federale degli Etruschi Il recente scavo stratigrafico del pozzo del convento, indagato per tutta la sua profondità (m 11,20), ha consentito di recuperare circa 900 brocche, la maggior parte delle quali in ottimo stato di conservazione, fortunosamente salvatesi grazie alla costante presenza dell’acqua di falda che ancora oggi percola dalle pareti della struttura.

 

Si tratta di maioliche arcaiche di XIII-XIV secolo, maioliche e olle per acqua di XV-XVI e vasi di XVII secolo che segnano l’abbandono della struttura.

sito archeologico di Campo della Fiera-2

Significativo il rinvenimento di una matrice di sigillo in bronzo volontariamente ‘annullata’ in quattro frammenti.

Sigillo Filippo il Bello

La matrice raffigura un sovrano, probabilmente Filippo IV di Francia detto il Bello, seduto in trono con scettro e giglio.

 

La datazione del sigillo, nel momento della sua distruzione avvenuta verosimilmente alla morte del sovrano, è il 1314.

Il pozzo medievale di Campo della Fiera a Orvieto In esposizione dal 27 ottobre al 20 dicembre, Palazzo Besso, Roma Promossa da Associazione Campo della Fiera e Fondazione Marco Besso in collaborazione con Università di Foggia (Ph. Unifg Facebook ufficiale)

L’esposizione intende illustrare, attraverso una selezione significativa di brocche, la storia del convento di San Pietro in vetere e del sito di Campo della Fiera, dalla fondazione francescana di XIII secolo, fino all’abbandono nel XVII secolo, attraverso i due importanti momenti di disuso e ripresa testimoniati, l’uno, dalla peste del 1348 e, l’altro, dallo svolgimento delle manifestazioni fieristiche di XV- XVI secolo. Ingresso gratuito, Palazzo Besso, Largo di Torre Argentina, 11, Biblioteca Storica 1° Piano Dal 30 ottobre al 20 dicembre 2023 dal lunedì al venerdì 10.00 – 13.00 /14.00 – 16.30

 

 

(Nota stampa)

About The Author